La normativa italiana convalida le agevolazioni fiscali per chi trasferisce la propria residenza fiscale nel Paese.

In una normativa del luglio/19, il governo italiano ha confermato la previsione di benefici fiscali per una serie di persone fisiche che trasferiscono la loro residenza fiscale nel Paese.
Tra i beneficiari, ci sono docenti e ricercatori italiani che attualmente vivono all’estero, anche se non sono registrati su AIRE. Per questo gruppo, la riduzione della base di calcolo dell’imposta sul reddito può raggiungere il 90% a condizione che la residenza fiscale sia trasferita in Italia.

Beneficiano, inoltre, della nuova normativa i lavoratori italiani residenti al di fuori del Paese che trasferiscono la loro residenza in Italia, situazione in cui l’imposta sul reddito sarà calcolata considerando come base di calcolo solo il 50% del reddito totale guadagnato, con un beneficio ancora maggiore per coloro che trasferiscono la residenza in una delle regioni del Mezzogiorno.Infine, la normativa in vigore conferma i benefici per chi aderisce alla Flat Tax, con un singolo versamento di 100.000 euro all’anno sul reddito totale prodotto all’estero a qualsiasi persona fisica che trasferisca la propria residenza fiscale in Italia, purché siano soddisfatti tutti i requisiti speciali per tale sistema.
Il nostro ufficio delle imposte è a disposizione per ulteriori informazioni sul rispetto delle regole.